Sabato notte al Pascoletto: “sono rimasto senza gasolio, mi dai qualche euro?”


sabato 10 settembre al Pascoletto di Mozzo, ecco il racconto della avventura di un concittadino: “dopo una cena da amici, sabato sera, verso le 23 rientro a casa, apro il cancello automatico, scendo dallo scivolo con la mia auto e mentre chiudo il garages vedo scendere verso di me un ragazzo abbastanza agitato. <<sono il figlio del tuo vicino -mi diceva con accento bergamasco- e mio padre, che e’ fuori casa, ha fatto casino con la mia auto e sono rimasto senza gasolio, dammi qualche euro che domani te li metto nella cassetta della posta.>> Li per li in modo istitintivo gli ho detto che i soldi glieli avrei dati, infatti si e’ subito tranquillizzato. Mentre gli davo i soldi, con la coda dell’occhio il ragazzo ha visto che il cancello si chiudeva e pertanto subito si poszionava davanti alla fotocellula per evitare che si chiudesse. Pensavo fosse solo ma dalle telecamere si vede una auto scura, forse Panda, che fa due o tre giri dell’isolato, prima del mio arrivo, e poi il ragazzo sale sulla stessa dopo la consegna dei soldi. Rendo pubblica questa mia avventura perche’ a me e’ andata bene e non sapevo che reazione avesse avuto il ragazzo se non gli avessi dato i soldi.”

«Inquinamento chimico, gli ori nel frigo» Derubati così due anziani a Osio Sotto – Bassa Bergamasca Osio Sotto

Hanno convinto le loro vittime che fosse in corso un inquinamento chimico nella rete idrica e che, quindi, ori e preziosi, per proteggerli da eventuali corrosioni, avrebbero dovuto essere messi al sicuro nel frigorifero da dove però, poi, sono stati rubati.

Sorgente: «Inquinamento chimico, gli ori nel frigo» Derubati così due anziani a Osio Sotto – Bassa Bergamasca Osio Sotto

Una lettera ufficiale, ma è una truffa L’allarme dell’Agenzia delle Entrate – Cronaca italia

Nuovi tentativi di truffa ai danni dei cittadini. A darne notizia è l’Agenzia delle Entrate, che lancia l’allarme per mettere in guardia quanti potrebbero ricevere una lettera – del tutto simile a quelle ufficiali – con una richiesta di denaro a seguito di un presunto controllo del Fisco.

Sorgente: Una lettera ufficiale, ma è una truffa L’allarme dell’Agenzia delle Entrate – Cronaca italia